Decalogo di QQ

La responsabilità del bollettino poggia  esclusivamente  sulle  persone  che  compongono la Redazione, indipendentemente dal fatto che queste possano coltivare il giusto diritto di appartenere, nel contempo, a Società culturali o Sindacati. Il bollettino deve contenere, nei primi 3 anni, per ogni numero, almeno il 75% di articoli scritti da medici di medicina generale. Il bollettino deve ospitare articoli di lunghezza non superiore alla pagina e mezza. Preferibilmente  “mezze  pagine”,  per non tediare i lettori, e, per incoraggiare  i più timidi a scrivere quel poco che  serve. Il bollettino deve ospitare almeno al 50% articoli su idee, difficoltà e realizzazioni di piccoli Audit e Ricerche di medici di medicina generale. Il bollettino deve ospitare almeno al 20-25%  considerazioni qualitative su aspetti operativo-concreti (ad es.: cartelle, organizzazione dell’ambulatorio, casi clinici) e/o  operativo-epistemologici (es.: la logica  diagnostica del medico di famiglia, es. il  medico e la famiglia, il medico e la comunità, il medico ed i servizi sociali). Queste considerazioni qualitative devono comunque tentare di superare la semplice aneddotica. Il bollettino non dovrà ospitare una superficie di pubblicità superiore al 12,5% del totale (mezza pagina).Il bollettino non ha come obiettivo prioritario quello di incrementare, oltre una certa misura, le sue copie. Gli obiettivi precipui sono quelli di mantenere una certa artigianalità e di accrescere, nel medio-lungo periodo, la qualità degli articoli. Il bollettino nasce e cresce all’interno di una rete amical-professionale locale (Vicenza e Verona), ma ha anche l’ambizione di collegamenti autorevoli. Il  bollettino  tenterà  di  ospitare,  per  alcuni nostri articoli, brevi commenti  “benigni” di alcuni amici Professori di  Medicina Generale di paesi esteri.