Archivio tag: privacy

Agosto 2015

PICCOLO NON E’ PIU BELLO?  IL MEDICO DI MEDICINA GENERALE:                                           DAVIDE DI FRONTE ALL’ EMERGENTE GOLIA “BIG DATA” DELLA SANITÀ

A Verona il 26 Settembre un appuntamento a cui siete tutti invitati

Per ulteriori informazioni rivolgersi a rosanna@omceovr.it, verona@fimmg.org

Lo slogan “piccolo e’ bello” diventò famoso dopo la pubblicazione con questo titolo del libro del filosofo ed economista Shumacher, nel 1973. Egli sosteneva tecnologie a misura d’uomo, decentralizzate e rispettose del capitale non finanziario (quello naturale, innanzitutto).Il pensiero di Shumacher ha avuto successo per decenni; il suo slogan era un pietra miliare con cui anche grandi entità ed aziende non potevano non confrontarsi.Oggi, invece, si sta imponendo l’idea che solo attraverso “Big Data” la società potrà cambiare.La corsa e’ verso l’Eldorado dell’universo iper-connesso, ove dovranno confluire, e diluirsi, piccoli gruppi, professionisti della scala minore (come i Medici di medicina generale) , esperienze telematiche su scala ristretta (come il Nostro Netaudit, www.netaudit.org).

Franco Del Zotti (MMG Verona)

 

Scarica la Rivista Completa

 

 

Settembre 2011

I MMG: dal riscatto del “personal computer” negli anni 80 ai gravi rischi dell’attuale telematica sanitaria, impersonale o sovra-personale. Possono i medici di medicina generale moderni staccare la spina? Perché no?

Nel primo anno dopo la laurea ho frequentato un
reparto di un piccolo ospedale di provincia, il cui
primario disprezzava i medici che compilavano lunghe
pagine della cartella cartacea. Egli ci diceva “il vero
medico ha tutto qua (e indicava la testa)”, “il vero
medico ricorda tutto”. Questo collega del sud Italia in
qualche modo era uno dei continuatori della cultura di
Platone, che sosteneva che lo scrivere era un atto di tradimento nei confronti della memoria. Al di là degli aspetti aulici, quel medico coltivava la tradizione di un’antica professione, secondo cui il medico deve mantenere un certo distacco e non può esporre la sua autorevolezza ai tanti “scribacchini” che possono controllarne i suoi pensieri congelati in scrittura. Quel medico interpretava un’antica tradizione di potere, discutibile. Oggi, nel 2011, però, corriamo il rischio contrario: quando il medico di medicina generale (MMG) compila un certificato di malattia o una ricetta o la lista dei problemi, abbonda nel lasciare tracce documentali del suo pensiero e degli aspetti intimi dei suoi assistiti su un mezzo elettronico, che non poche volte è già interfacciato (o è sul punto di esserlo) con potenti database regionali o nazionali. Al medico che sommessamente esprime dubbi su questa “evoluzione” si risponde a muso duro che questa è la modernità e che indietro non si può tornare.

Francesco Del Zotti (MMG – Verona,  Direttore di Netaudit)

 Scarica la Rivisa Completa