Gennaio 2006

La Qualità fra Caso e Casi in Medicina Generale

La medicina generale è l’area professionale nella quale, più che in ogni altro ambito clinico, il comportamento del medico cerca di conciliare le migliori evidenze scientifiche con i “valori umani” del paziente. Ci sono infatti molte situazioni in cui la cosiddetta “best evidence” non coincide con la “best choise” del malato: in queste circostanze l’etica professionale come suggerirà di comportarsi? Dovremo spingerci a considerare il rispetto del malato con una attenta valutazione di avvocatura sanitaria o anche i suoi desideri avranno un peso? Dovrà prevalere un atteggiamento “scientifico” che si fa sempre più complesso e non permette decisioni rapide anche quando, per lo stesso problema, esistono linee guida che differiscono in modo sensibile? Quanto sono i medici consapevoli che molti percorsi sono influenzati da valutazioni di tipo economico? Non sarà invece importante mettere sempre il nostro paziente al centro dei processi assistenziali e rifocalizzare la nostra attenzione ad una rigorosa metodologia di gestione dei singoli casi clinici? Non possiamo avviare clinical trial ovunque ed in ogni situazione!

Dott. Mario Baruchello (MMG Vicenza)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su