Archivi tag: Clinical Audit

Gennaio 2020

IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NON RAPPRESENTA PIÙ IL PRIMO RIFERIMENTO, LA PRIMA RISPOSTA PER I BISOGNI DEI CITTADINI?

“Certamente se una persona ha un’emergenza o un problema molto serio si rivolge al SSN, ma nella quotidianità – a causa dell’inaccessibilità dei servizi prodotta dagli infiniti tempi di attesa – i pazienti si rivolgono altrove, bussano alle porte del settore privato e – se possono – ricercano una forma di assicurazione sanitaria integrativa.”

La formula di Noam Chomsky funziona perfettamente a tutte le latitudini: “That’s the standard technique of privatization: defund, make sure things don’t work, people get angry, you hand it over to private capital” (“Questa è la tecnica standard per la privatizzazione: tagli i fondi, assicurati che le cose non funzionino, fai arrabbiare la gente, e lo consegnerai al capitale privato”).

Queste citazioni da Gavino Maciocco e Salute Internazionale bastano ad introdurre le considerazioni che svilupperemo in questo editoriale.

Continua a leggere la Rivista Completa

Febbraio 2019

I NODI IRRISOLTI DELLA MEDICINA GENERALE DOPO 40 ANNI DI SSN

Nei mesi scorsi è stato celebrato in pompa magna il 40° compleanno del nostro servizio sanitario nazionale, un modello di Sanità pubblica che tutto il mondo continua a invidiarci. Esso, infatti, ha contribuito a conseguire importanti risultati in termini di salute, garantendo adeguati livelli d’assistenza relativamente omogenei nel territorio nazionale. 

In realtà, specificatamente nel campo di riferimento dell’Assistenza Primaria, il modello organizzativo è fortemente in crisi. Vige l’idea diffusa che sia difficile la sua sostenibilità, particolarmente quella finanziaria, mentre non è stato possibile più nascondere il dato macroscopico del fabbisogno di aggiustamento dell’organico medico. Nei prossimi dieci anni 33 mila medici di famiglia andranno in pensione, e solo 11 mila nuovi professionisti arriveranno a sostituirli, ci saranno quindi 22 mila medici di famiglia in meno. 

Scarica la Rivista Completa

Dicembre 2017

EDITORIALE
IL TEMPO DELLA COMUNICAZIONE È TEMPO DI CURA

Il titolo III art.20 e l’art.33 tit.IV del codice deontologico ricordano che il medico deve contribuire a realizzare una relazione dialogica che persegua un’alleanza di cura fondata sulla reciproca fiducia , sul mutuo rispetto dei valori e dei diritti e su una informazione comprensibile e completa.Una conferma dei canoni epistemologici stessi della medicina generale viene in questi giorni dalla entrata in vigore della legge 22-12-2017 n. 219,più nota come legge sul fine vita.All‘articolo 8 viene espressamente definito che il tempo della comunicazione è tempo di cura. La figura del medico di famiglia è riconosciuta fondamentale per: la relazione di fiducia e di cura; la centralità del paziente e non della malattia; la personalizzazione delle cure attraverso l’ascolto e il dialogo; l’empowerment del paziente con la pianificazione condivisa dei processi assistenziali

 

Scarica la Rivista Completa